18 dicembre

DSCN4239

LA PALLINA D’ARGENTO

(di Cleonice Parisi)

Finalmente è arrivato il mio momento?

Sono emozionata!!! Mamma…guardami come brillo, ho un abito dai colori sgargianti,

la prigionia non mi ha resa meno bella. Mamma, perché non mi rispondi!!!! Mamma,

Mamma…

Una voce lontana rispose:

– Figlia mia, son qui dall’alto ti sento, sei bella lo so, i tuoi colori somigliano a quelli

di una stella.

– Mamma ma dove sei io non ti vedo!

– Che importa vedersi mi senti?

– Si ti sento, ma…vorrei anche vederti e esserti vicina.

– Mi vedrai e saremo vicine, fa che quella mano ti scelga così potrai raggiungermi.

La pallina di Natale si mise in bella mostra, voleva raggiungere la sua mamma che

già faceva parte dell’albero di Natale su in punta, era la stella più bella, ma per le

palline la vita era dura, non tutte sarebbero arrivate alla meta ambita.

La mano prese ad aprire lo scatolo, la pallina di Natale, incominciò a sorridere del

più grande sorriso che aveva nel cuore, dicendo:

Mano, mano, io voglio andare dalla mamma, non importa che non sia la più bella, ti

prego fammi stare vicino a lei.

Ma la mano non poteva ascoltare la voce di una piccola pallina d’argento, e

continuava a selezionare palline, senza neppure sfiorarla.

Ogni discesa della mano, faceva palpitare il cuore della povera pallina, e quando

l’albero fu completamente adorno la pallina si rese conto di non esser stata scelta.

Le lacrime cominciarono a scendere copiose, i singhiozzi della piccola pallina delusa

riecheggiarono per tutto lo scatolo, le altre palline cercarono di consolarla, ma la

piccola era davvero inconsolabile.

La madre dall’alto dell’albero si accese di una luce strana, e quando la mano

guardò l’albero, provando un senso di insoddisfazione disse:

– Cara ma l’albero quest’anno mi sembra strano, non mi da emozione, tu cosa ne

pensi?

– Tesoro lo trovo elegante, hai fatto bene a scegliere di farlo dorato, molto

richiama la meravigliosa stella che hai messo in punta.

– Si, ma c’è qualcosa che non va….

L’uomo proprietario della mano, prese a guardare l’albero con maggiore attenzione,

non riuscendo a capire da cosa nascesse questa sua insoddisfazione.

– Papà? – disse il piccolo Marco di appena cinque anni – quest’albero è sbagliato!

– Cosa? – Si girò il papà incuriosito. – Cosa dici Marcolino perché sarebbe

sbagliato?

– Papà c’è una pallina d’argento che piange, perché non è stata messa sull’albero.

– Marco ma che dici le palline non piangono, le palline d’argento le useremo l’anno

prossimo.

– Anche la stella piange – Aggiunse Marco. L’uomo guardò negli occhi il piccolo, e

preso da una grande tenerezza disse: Amore completalo tu l’albero.

Marco riaprì lo scatolo, e con fare trionfante prendendo una precisa pallina disse:

– Questa papà, va vicino alla stella.

Il papà prese la piccola pallina d’argento posizionandola proprio sotto la stella, così

come Marco aveva suggerito, riaccese il tutto, è albero prese a riflettere di una

luce straordinaria. L’uomo guardò la moglie come folgorato: Ma com’è possibile vedi

anche tu quello che vedo io, l’albero brilla di una luce nuova.

Quella sera non fu necessario accendere la televisione per far scorrere il tempo, la

piccola famigliola si strinse sul divano ad ammirare il loro meraviglioso albero e nel

silenzio della contemplazione una piccola voce disse: Mamma, ti amo.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...